Recensione de “Le Cronache dell’Accademia Shadowhunters” di Cassandra Clare

Buongiorno a tutti, cari lettori e buon lunedì!
Come state? Come è iniziata la vostra settimana?
La recensione di oggi è dedicata a “Le Cronache dell’Accademia Shadowhunters” di Cassandra Clare, Sarah Rees Brennan, Maureen Johnson e Robin Wasserman.

simon-tales-from-the-shadowhunter-academyTRAMA

Simon Lewis non avrebbe mai pensato di diventare uno Shadowhunter e invece è arrivata la sua grande occasione. Il suo addestramento in Accademia ha inizio qui…
Il primo inedito episodio delle “Cronache dell’Accademia Shadowhunters”.Dieci racconti: ogni mese un nuovo racconto firmato da Cassandra Clare, Robin Wassermann e Sarah Rees Brennan.

ghirigoro

 Come tutti saprete, il 15 marzo è uscito in Italia Signora della Mezzanotte, il primo libro di una nuova trilogia sugli Shadowhunters. Questo nuovo capitolo nato dalla meravigliosa penna di Cassandra Clare, è ambientato a Los Angeles, cinque anni dopo la conclusione di Città del Fuoco Celeste. La protagonista principale è la giovane Emma Carstairs, personaggio che abbiamo già incontrato nell’ultimo libro della serie principale, e sarà affiancata dal suo migliore amico, Julian Blackthorn. Da fan sfegatata di questa serie, come avrei potuto perdermi le avventure di Emma e Julian? Neanche a dirlo, ho iniziato a fare il conto alla rovescia e ad attendere pazientemente (più o meno) l’uscita di questo nuovo libro..fino a quando non sono venuta a conoscenza del fatto che, prima di buttarsi in Signora della Mezzanotte, sarebbe stato molto opportuno leggere Le Cronache dell’Accademia Shadowhunters. E..beh, non me lo sono fatto ripetere due volte.

 “Benvenuti, benvenuti all’Accademia Shadowhunter! E’ una gioia vedervi qui riuniti alla cerimonia inaugurale della nostra scuola, una scuola nella quale addestreremo un’intera nuova generazione affinché obbedisca alla Legge dettata dell’Angelo. Per voi è un onore essere stati scelti per frequentarla, e per noi è un piacere avervi qui.”

Come è già successo per Le Cronache di Magnus Bane, Cassandra Clare ha deciso di regalarci dieci nuove 08ee9374aea2cb5dee48e7fd30540f9bnovelle inedite dedicate a un personaggio di Shadowhunters, e, questa volta, il prescelto è il mio adorato Simon! Se ben vi ricordate, il finale di Città del Fuoco Celeste non è stato proprio il massimo, per lui: per salvare i suoi migliori amici, Simon ha sacrificato se stesso, perdendo tutti i suoi ricordi e tornando all’oscuro del Mondo delle Ombre. Simon non ha più memoria del suo passato recente e, tutte quelle persone che ha chiamato “amici” per così tanto tempo e con cui ha condiviso così tante cose, ormai non sono altro che degli estranei, ai suoi occhi. Estranei che dicono di conoscerlo e di volergli bene, sì, ma pur sempre estranei. Grazie a Magnus Bane, però, per Simon si apre una possibilità, un piccolo spiraglio di luce che non avrebbe mai creduto possibile: frequentando l’Accademia degli Shadowhunters, Simon potrebbe diventare un Nephilim e avere anche la concreta possibilità di riacquisire i suoi ricordi. Così, ha inizio l’avventura..

 “Lui ti manca?” Lui, il vecchio Simon. L’altro Simon. Quello migliore, quello più coraggioso, quello che non era più in lui e, temeva, non sarebbe mai più stato. Clary aveva scosso la testa: una cascata di boccoli rosso fuoco che le rimbalzavano sulle spalle, occhi verdi che scintillavano di determinazione. «E non mi manchi più nemmeno tu» aveva detto, dimostrando per l’ennesima volta l’inquietante capacità di intuire cosa stesse passando per la testa di Simon. «Perché ti ho riavuto. O almeno spero…»

a0871766dadbfc6030b5fbd530be9faaLa prima cosa che mi ha colpita quando ho iniziato a leggere le novelle, forte e intesa, è stata una sensazione di profonda appartenenza. Amo ciò che ha creato la Clare, amo i personaggi, le ambientazioni e le storie che è stata in grado di mettere in piedi, e amo il fatto di sentirmi così a mio agio in mezzo a tutto questo. Simon è sempre stato il mio personaggio preferito, e accompagnarlo per dieci novelle a lui dedicate, è stata l’ennesima conferma di qualcosa che già da tempo sospettavo: non mi stancherò mai di essere accolta in questo mondo e sentirmi come se ne facessi parte anche io. E’ stato emozionante ritrovare personaggi del passato ed è stato meraviglioso fare la conoscenza di altri personaggi che, così come tutti gli altri, mi rimarranno nel cuore. In particolare, ho adorato George Lovelace, il coinquilino di Simon, quel ragazzo spontaneo e gentile che, pur di rimanere fedele a se stesso, lo segue nei sotterranei e si trasferisce con lui nei quartieri della “feccia”, coloro che non sono ancora Nephilim a tutti gli effetti e che, in quanto tali, non godono dei vantaggi riservati agli Shadowhunters di sangue.

“Sulla porta del bungalow, Simon cercò di convincersi a bussare. Incontrare gente già conosciuta nella vita precedente era la cosa che gli piaceva meno in assoluto. C’era sempre la paura che gli altri si aspettassero qualcosa che lui non poteva dare, o che dessero per scontato qualcosa che aveva dimenticato. C’era, troppo spesso, un barlume di speranza nei loro occhi che si spegneva non appena apriva bocca.”

La  cosa più bella, senza ombra di dubbio, è stata la possibilità di leggere storie inedite e racconti dedicati ad 879d625aa3e69d3436be8c24b290fbb3altri personaggi del mondo delle ombre, perché la realtà è che la Clare usa Simon come un mezzo per aprire una finestra sulle vite di altre figure: così, ho conosciuto più a fondo James Herondale, il figlio di Will e Tessa, l’ho seguito durante il suo primo anno all’Accademia e nella scelta del suo Parabatai. Ho fatto un salto temporale, tornando nella Londra dell’ottocento insieme ai personaggi delle Origini, e, per la milionesima volta, mi sono commossa leggendo le loro avventure. Ho conosciuto la storia della nascita del Circolo di Valentine Morgenstern, di chi ne faceva parte con orgoglio ma che ora vorrebbe solamente cancellare quella parte del proprio passato. Ho ascoltato Helen Blackthorn, mentre, derisa e umiliata, ha dovuto raccontare ai ragazzi dell’accademia cosa c’è dietro alle sue origini da mezzosangue. Ho sofferto mentre Simon, rapito dalle fate, apprendeva le parole di Mark Blackthorn, il fratello di Helen, sottratto alla sua famiglia e costretto alla Caccia Selvaggia. Ho visto due Shadowhunters diventare parabatai, ne ho visti altri due sposarsi, e due personaggi diventare genitori. Ho preso parte alla cerimonia per l’Ascensione, ho gioito per un personaggio e ho pianto tutte le mie lacrime per la morte di un altro.
Ma, più di tutto, ho vissuto in stile Cassandra Clare ancora una volta.

 stars

SCHEDA

Titolo: Le Cronache dell’Accademia Shadowhunters
Autore: Cassandra Clare & Sarah Rees Brennan & Robin Wasserman
Prezzo: non disponibile
Pagine: 528
Data di pubblicazione: 15 novembre 2016 (America)

harrySe non fosse chiaro, io straconsiglio queste novelle, soprattutto a chi ha intenzione di leggere “Signora della Mezzanotte”.
Come al solito, alla prossima e buone letture,questione di libri

 

Precedente GOODREADS | Book Tag! Successivo NEWTON COMPTON EDITORI | Nuove uscite!

Lascia una recensione

5 Commenti on "Recensione de “Le Cronache dell’Accademia Shadowhunters” di Cassandra Clare"

avatar
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Alberica
Ospite

Io l’ho appena finito e non riesco a smettere di piangere…
Amo i libri della Clare e (ora) li ho letti tutti non riesco a staccarmi dal mondo degli Shadowhunters e tutti i suoi personaggi…(beh forse non proprio tutti).
Volevo solo consigliare caldamente di leggere questo libro, e tutti gli altri, soprattutto per la storia di Simon un personaggio che da mondano a vampiro a diurno a mondano e in fine a Shadowhunters le ha letteralmente passate tutte ma non ha mai rinunciato ai suoi amici alla sua personalità.

QuestioneDiLibri
Ospite

La pagina si chiama “Questione di Libri”; proprio come il blog. 🙂

Chiara Varricchio
Ospite

Ma alla fine i ricordi li riacquista? Perfavore dimmi di sì

QuestioneDiLibri
Ospite

Non posso spoilerare nulla pubblicamente qui sul blog, ahah!
Se vuoi, scrivimi in privato sulla mia pagina facebook.

wpDiscuz