Recensione de “La rosa del Califfo” di Renée Ahdieh

Buongiorno a tutti, cari lettori!
Oggi, vi lascio la recensione di un libro che aspettavo da tantissimo e che ho avuto la possibilità di leggere grazie alla Newton Compton: sto parlando de La rosa del Califfo, il secondo e ultimo capitolo della saga de La moglie del Califfo di Renée Ahdieh. Se volete saperne di più sul primo volume, potete trovare la mia recensione qui.

TRAMA

Shahrzad è stata la moglie del califfo del Khorasan. Era giunta nella sua dimora con lo scopo di vendicare la morte di altre fanciulle andate in sposa a lui. Poi il suo piano è saltato, Khalid non è infatti il mostro che tutti credono. È un uomo tormentato dai sensi di colpa, vittima di una potente maledizione. Ora che è tornata dalla sua famiglia, Shahrzad dovrebbe essere felice, ma quando scopre che Tariq, suo amore d’infanzia, è alla guida di un esercito e sta per muovere guerra al califfo, la ragazza capisce che deve intervenire se vuol salvare ciò che ama. Per tentare di evitare una sciagura, spezzare quella maledizione, ricongiungersi a un uomo di cui ora scopre di essersi innamorata, Shahrzad farà appello ai suoi poteri magici, a lungo rimasti sopiti dentro di lei…

Chi l’ha letto, lo sa: le ultime pagine de La moglie del Califfo ci avevano lasciati tutti in bilico: Shahrzad, Khalid, e noi, con loro. Rey, il cuore del Khorasan, l’autentico gioiello del popolo del deserto, sta andando, letteralmente, a pezzi. Fuoco, fiamme; una landa di detriti o poco più. E ora, con Il desiderio di vendetta che cresce, e la maledizione che grava sulle spalle del Califfo, Shazi e Khalid sono messi davvero a dura prova. Distanti, eppure, vicini come non mai. Nonostante tutto, ma, soprattutto, nonostante tutti: nonostante Tariq, che ancora non riesce a rassegnarsi alla fine del suo amore con Shazi; nonostante il sultano della Partia, deciso più che mai a detronizzare il re-fanciullo, suo nipote. Nonostante i segreti, i giochi di potere… e una guerra ormai imminente.

“Era perché loro due erano due metà di un tutto. Lui non le apparteneva, così come lei non apparteneva a lui. Fra loro non si trattava di possesso. Si trattava di essere fatti l’uno per l’altra, di essere inseparabili.

Quando mi affeziono particolarmente a determinati personaggi, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, cerco di tonare da loro il più tardi possibile. Non voglio lasciarli, non voglio che arrivi il momento dell’addio definitivo, ma, per quanto io mi imponga di aspettare, quel momento, arriva sempre troppo presto. Quando se ne va, poi, si allontana trascinando con sé una piccola parte del mio cuore, un martellante pegno d’amore. Ma le voglio bene, a Renée Ahdieh, e, per questo, le perdono i soli due libri in una serie che messa a paragone con ciò che si vede oggi in giro avrebbe meritato un riconoscimento e un successo decisamente maggiori. Più difficile, invece, sarà perdonarle quel meraviglioso stile di scrittura che si ritrova, e che mi fa provare una sana invidia nei suoi confronti. Nei suoi libri, ci cado dentro, e, puntualmente, me ne innamoro. Sento e vedo quello che sentono e vedono i suoi personaggi, come se ci fossi anche io, tra quelle pagine, in quella parte di mondo così distante da me e da quello che sono. Mi spezzo, mi sdoppio e sono qui e lì. E non è forse questo, il potere dei libri? Pura magia.

“Quanto a lungo un uomo è tenuto a pagare per i proprio errori?”. Khalid rispose senza esitare. “ Finché non ha estinto fino all’ultimo dei suoi debiti.”

Vecchi e nuovi compagni d’avventura, storie che si intrecciano, una piega femminista che ho profondamente adorato, e destini da scrivere. Fate spazio: Renée Ahdieh è tornata.

SCHEDA

Titolo: La rosa del Califfo
Autore: Renée Ahdieh
Prezzo: Euro 9.90
Pagine: 381
Casa Editrice: Newton Compton Editori

[Link diretto all’acquisto del libro: AMAZON!]

Se avete letto questa saga o se avete intenzione di farlo, fatemi assolutamente sapere!
Alla prossima e buone letture, 

Precedente PICCOLI BRIVIDI | LiBRRRi Horror #1 Successivo #ScrittoDaUnaFemmina – Episodio 3.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
wpDiscuz