Recensione de “La casa stregata” di H.P. Lovecraft

Buongiorno a tutti, cari lettori!
Oggi, vi lascio la mia recensione de “La casa stregata” di H.P Lovecraft.

la-casa-stregata-e-altri-racconti lovecraftTRAMA

La casa stregata, forse l’opera più celebre del maestro dell’horror, fu ispirata a Lovecraft da una casa realmente esistente, «maledetta o nutrita di cadaveri», a Providence.
Antichi orrori che si risvegliano, aure demoniache, il soprannaturale che opprime la vita quotidiana: sono questi i temi che Lovecraft padroneggia come nessun altro. E sono i temi anche del celebre L’orrore a Red Hook: la precisione con cui riporta alcune formule usate durante rituali esoterici ha convinto molti che lo scrittore fosse un affiliato di una setta occulta. Verità o ennesima leggenda fiorita intorno al mito del genio di Providence? Quello che è certo è che queste due gemme oscure della letteratura dell’incubo risplendono nelle tenebre, sposano la narrativa all’angoscia, sussurrano all’animo umano le sue paure più oscure.

recensione

Quando si entra a far parte dell’enorme schiera di fan di Stephen King, è inevitabile, prima o poi, provare il desiderio di leggere quelle opere che, più di altre, hanno ispirato il Re. È per questo motivo, quindi, che ho deciso di leggere questo libro: per sentirmi ancora più vicina a quello che, col tempo, è diventato il mio autore di riferimento. La casa stregata, il più celebre tra i suoi racconti, venne ispirato a Lovecraft da una costruzione realmente esistita a Providence, capitale del Rhode Island, lo Stato che ha dato i natali all’autore americano. Un inquietante alloggio maledetto, una villa in cui il soprannaturale entra in contatto con il quotidiano e lo contamina. Pezzo per pezzo.

“Era un luogo insalubre, probabilmente per via del muschio e delle  muffe cresciuti in cantina, o forse per il suo odore di putredine o anche per i corridoi gelidi, oppure a causa dell’acqua del pozzo.”

870b7ca80b31ef0bb2e7d3f30da40d13Ultimamente, finisce quasi sempre per andare così: più un libro viene osannato, più io non sembro riuscire ad apprezzarlo, e ora, temo che il mio primo approccio con H.P. Lovecraft possa anche essere l’ultimo. Purtroppo, le mie aspettative erano incredibilmente alte, e, quello che ho trovato una volta iniziata la lettura, è stata una storia piuttosto piatta e monotona monotona e, se devo essere completamente onesta, a tratti mi è risultata decisamente noiosa. Lovecraft non è mai riuscito a catturarmi e coinvolgermi veramente, a instillare in me quella voglia di leggere, leggere, e leggere al punto di perdersi all’interno delle parole e dimenticarsi di tutto il resto. Ho fatto un po’ fatica a mantenere alta l’attenzione, ma, nonostante ciò, non me la sento di bocciarlo del tutto: sono del parere, infatti, che se non fosse stato scritto sotto forma di racconto, mi sarebbe piaciuto sicuramente molto di più.

“Esitono orrori che travalicano ogni orrore, e quello che avevo di fronte era uno di quei grumi d’incubo supremo che l’universo assegna a una minoranza di sfortunarti.”

In ogni caso, credo comunque che si tratti di una tra le opere più importante tra quelle appartenenti a questo genere letterario e che quindi, se ancora non l’avete letta, potreste approfittare della stagione in corso per fare la sua conoscenza.

[Link diretto all’acquisto del libro: AMAZON!]

stars

SCHEDA

Titolo: La casa stregata
Autore: H.P. Lovecraft
Prezzo: Euro 3.90 (cartaceo)
Pagine: 126
Casa Editrice: Newton Compton Editori

Precedente SOMMERSA DAI LIBRI | Acquisti di novembre – parte 1! Successivo Anteprima de "I nostri cuori chimici" di Krystal Sutherland

Lascia una recensione

2 Commenti on "Recensione de “La casa stregata” di H.P. Lovecraft"

avatar
più nuovi più vecchi più votati
Claudia Ina Ciriaci
Ospite

Di Lovecraft ho l’opera omnia che sto finendo in questo periodo… Secondo me “La casa stregata” è sopravvalutato come racconto e lui sottovalutato. A volte è noioso, concordo, i suoi racconti sono molto descrittivi, ma ti dirò, è l’unico che mi ha fatto venire gli incubi – e con me, che adoro l’horror, non è facile.

QuestioneDiLibri
Ospite

Sono contenta che a te, in generale, piaccia.
Io non so se, a breve, rileggerò qualcosa di suo.