Presentazione de “La Magiara” e intervista all’autore, Alessio Fabbri.

Buongiorno a tutti, lettori!
Oggi vi segnalo “La Magiara”, il libro d’esordio del giovane autore emergente Alessio Fabbri, il quale ci parlerà meglio di sé e del suo libro attraverso un’intervista! 🙂

lamagiara (1)TRAMA

Agnese Mallasz è una giovane e tormentata ragazza di Venezia. Dopo aver perso la madre, ella viene a conoscenza dell’esistenza di una famiglia aristocratica a cui è legata, rappresentata dal suo fratellastro Luigi Alfonso Salisbeni che, volente o nolente, la invita a ricongiungersi al suo vero luogo d’appartenenza. Ad attenderla, con aspettative del tutto differenti, vi sono anche la gelida sorellastra Giuliana e la timida, ma inquieta nipote Sibilla, figlia di Luigi Alfonso.
Costretta da esigenze finanziarie e dalle dolorose conseguenze della fine di un amore illusorio, Agnese adotta Ferrara come sua nuova dimora e destinazione della sua fuga, ritrovandosi però combattuta fra necessità di sopravvivenza e desiderio di rivolta. Scoprendosi sempre più femminista e ribelle, esplora l’emancipazione della donna attraverso mezzi inconsueti ed ingiustificati come la violenza o le armi: unica risposta al disequilibrio delle sue emozioni è l’involontaria e casuale adozione dell’identità della Magiara, lato della personalità della ragazza che tende sempre più a creare scompiglio nella cerchia dei Salisbeni e nell’aristocrazia ferrarese degli anni ‘20. Circondata dai segreti che rendono i suoi nuovi parenti vittime e carnefici di loro stessi, ella intraprende un percorso di dolorosa passione, giungendo sull’orlo dell’abisso, in un viaggio apparentemente senza ritorno.

SCHEDA

Titolo: La Magiara
Autore: Alessio Fabbri
Prezzo: Euro 17,00 (cartaceo)
Pagine: 170
Genere: Narrativa contemporanea, Romanzo storico
Casa Editrice: Sillabe di sale Editore
Book Trailer: Youtube
Link per l’acquisto: Amazon

ghirigoro

intervista

Ciao Alessio e benvenuto su Questione di Libri.
Cosa ti ha spinto a scrivere un romanzo di questo genere?
Gli anni 20 del Novecento sono un periodo che da sempre esercita un fascino su di me. Ho voluto esplorarli attraverso la scrittura, che è per me uno dei modi più creativi per viaggiare nel tempo. Per quanto riguarda i luoghi, Ferrara fa parte della mia vita da molti anni, ed ho così colto l’occasione per renderle omaggio.

C’è la possibilità che qualche personaggio sia stato ispirato da persone reali?
Sì, alcuni dei miei personaggi sono senza dubbio ispirati a persone che ho conosciuto, ma direi che in essi ci sono sfaccettature caratteriali molto più complesse, anche perchè affrontano situazioni molto particolari. Ogni ispirazione, però, è avvenuta in maniera spontanea ed inconscia.

Come è stato scrivere questo libro, per te?
Scrivere questo libro è stata un’esperienza molto particolare, perché anzichè pianificarlo al dettaglio, è fluito da pensiero a carta in maniera molto veloce e creativa. Sono stato sorpreso da queste dinamiche di scrittura che mai mi era capitato di applicare. È possibile che questa sia stata la libertà creativa che ho invece contenuto durante la scrittura del primo romanzo (ancora non pubblicato).

Quale è stata la parte più difficile?
La parte più difficile, per me, non è mai il finale. Bene o male l’inizio di una storia porta con sé già una sua fine, o almeno questo è ciò che mi capita quando mi appresto a sviluppare un’idea narrativa. La parte più delicata è per me quella centrale, dove si snodano punti focali e dove si può sia perdere il lettore così come appassionarlo. Spero di essere riuscito a provocare la seconda di queste reazioni!

Che tipo di lettore sei, invece?
Non leggo tanto quanto mi piacerebbe, ma mi piacciono molto i romanzi inglesi ed americani del periodo modernista, in primis “Il Grande Gatsby” di F.S. Fitzgerald, che sin dalla prima lettura mi colpì e divenne il mio libro preferito. Per quanto concerne la letteratura italiana, leggo volentieri Pirandello, D’Annunzio o Calvino fra gli altri. Ultimamente ho spostato la mia attenzione su Dino Campana e Sibilla Aleramo, i cui scritti sono molto interessanti e di grande ispirazione.

C’è un libro, tra quelli che hai letto, che ti piacerebbe aver scritto?
In questo momento sto leggendo “Il formicaio” di Margit Kaffka, un’autrice ungherese che ha destato la mia attenzione sulle tematiche femminili nel primo Novecento, e che figura appunto nella trama de “La Magiara” come autrice preferita della protagonista principale, Agnese. “Il formicaio” è un libro ben scritto, sapientemente ideato e sviluppato, perciò non mi dispiacerebbe esserne stato l’autore, anche se la mia risposta dev’essere “La Magiara”: non c’è soddisfazione più grande di aver scritto il mio stesso romanzo!

 ghirigoro

Ringrazio ancora Alessio Fabbri per questa piacevolissima intervista e gli faccio un grande “in bocca al lupo” per la sua carriera di autore!
Alla prossima e buone letture,questione di libri

 

 

Precedente Intervista a Stefano Giovinazzo, titolare della casa editrice Edizioni della Sera Successivo Recensione di "Unico indizio: la luna piena" di Stephen King

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

avatar
wpDiscuz