Citazioni della settimana #20

Buonasera a tutti, Fedeli Lettori!
Siete pronti per una nuova carrellata di Citazioni della Settimana? Il libro che ho scelto, oggi, è Gli anni della leggerezza, il primo capitolo della saga dei Cazalet, nata dalla penna di Elizabeth Jane Howard. A breve, troverete anche la mia recensione spoiler-free. Stay tuned!

“Papà! Lo sai qual è la cosa che più mi piace di te? Che hai un sacco di dubbi. Non sei sicuro di niente.””Ti ammiro molto per questo”.
– Gli anni della leggerezza, Elizabeth Jane Howard.

La Duchessa apparteneva a un sesso e a una generazione la cui opinione non era richiesta se non per malattie infantili e faccende casalinghe, ma questo non voleva dire che non avesse preoccupazioni più serie: semplicemente, queste facevano parte del vasto repertorio di argomenti di cui non si parlava e men che meno si discuteva tra donne, e non perché, come nel caso delle funzioni corporee, fosse sconveniente, ma perché era del tutto inutile che le donne s’interrogassero sulla politica e sulle vicende del genere umano. Le donne sapevano che il mondo era governato dagli uomini, che il potere lo avevano loro e che, dal potere corrotti, alla minima provocazione mettevano mano alle armi per averne di più, mentre le donne erano costrette a patire le peggiori ingiustizie.
– Gli anni della leggerezza, Elizabeth Jane Howard.

“… Polly temeva che scoppiasse un’altra guerra e che tutti fossero gassati a morte, in particolare il suo gatto Pompey che, data la sua natura felina, era improbabile che ricevesse una maschera antigas”.
– Gli anni della leggerezza, Elizabeth Jane Howard.

Messa in ordine la sua stanza, Louise si era sistemata sull’amaca con il suo libro, ma non riusciva a trovare la calma necessaria per leggere. Quello era un altro degli aspetti bizzarri e spiacevoli della sua nuova esistenza: l’estate scorsa non avrebbe avuto altro per la testa che dividere equamente l’amaca con Polly e al suo turno vi si sarebbe tuffata come chi non ha una sola preoccupazione al mondo. Le sembrava di essere diventata una creatura ingombrante e dispersiva, incapace di impegnare tutta se stessa: qualunque cosa facesse, una parte di lei se ne restava a guardare, a commentare con ironia suggerendo insidiose alternative: «Sei troppo grande per quel libro… e oltretutto l’hai già letto». L’età era sempre un problema: era troppo piccola o troppo grande per fare qualunque cosa.
– Gli anni della leggerezza, Elizabeth Jane Howard.

“«Non importa cosa fai, quello che conta è non spaventare i cavalli», disse. Nel linguaggio segreto dei Cazalet voleva dire sta’ zitto.”
– Gli anni della leggerezza, Elizabeth Jane Howard.

Avete già letto questo libro?
Se sì, cosa ne pensate? Fatemi sapere!
Alla prossima e buone letture, 

 

Precedente SOMMERSA DAI LIBRI | Acquisti di ottobre – parte 1! Successivo Recensione de "Il giardino di Elizabeth" di Elizabeth Von Arnim

Lascia una recensione

avatar

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.